Il Centro Teatrale MaMiMò di Reggio Emilia, direzione artistica Marco Maccieri, cerca un assistente per il direttore.

 

Il Centro Teatrale MaMiMò cerca per il proprio staff un’assistente alla direzione artistica.

La sede di lavoro sarà a Reggio Emilia, si richiede disponibilità a partire da settembre 2024.

Impegno richiesto: full time.

Si offre contratto a tempo determinato (finalizzato alla stabilizzazione), l’inquadramento contrattuale sarà definito secondo il vigente CCNL dei Teatri Stabili e in base all’esperienza.

Requisiti di ordine particolare:

– laurea e/o master in economia dello spettacolo o studi umanistici. Possono entrare in considerazione formazioni di analogo livello con comprovata idoneità alla funzione (ad es. corso organizzazione dello spettacolo della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi);
– ottima conoscenza del contesto teatrale italiano;
– esperienza professionale nel settore della produzione e distribuzione teatrale;
– correttezza, precisione e predisposizione ad assumersi responsabilità;
– capacità organizzative, spirito d’iniziativa, senso pratico, flessibilità e capacità di adattamento;
– discrezione, precisione, puntualità e fermezza nello svolgere la funzione;
– capacità analitiche e creative indirizzate alla ricerca di nuove soluzioni;
– buone capacità relazionali e di negoziazione;
– facilità di comunicazione interpersonale;
– attitudine e capacità al lavoro sia indipendente, sia di gruppo;
– flessibilità e disponibilità al lavoro con orari irregolari, anche fuori orario e nei giorni festivi, secondo le esigenze di spettacolo;
– ottima conoscenza della lingua italiana e dell’inglese (a livello di autonomia/B1 o equivalente o superiore);
– uso corrente dei programmi informatici (ambiente Windows e Mac, pacchetto MS Office, ecc.);
– possesso di patente B.


Mansioni
:
– Assistere e supportare attivamente il Direttore Artistico del Centro Teatrale MaMiMò a livello operativo, concettuale e progettuale, sulla base dei programmi di lavoro, delle necessità contingenti e delle priorità definite dalla Direzione.

In particolare:

– lavorare a stretto contatto con il Direttore Artistico del Centro Teatrale MaMiMò assistendolo in tutte le sue funzioni e sostituendolo in caso di assenza o su indicazione;
– gestire autonomamente i rapporti con le maestranze delle produzioni, con le compagnie ospiti, gli artisti, i teatri e le istituzioni chiamate in causa;
– seguire le produzioni del Centro Teatrale MaMiMò offrendo consulenza nella produzione, promozione e sviluppo di strategie di vendita;
– curare la distribuzione e la vendita degli spettacoli prodotti o coprodotti dal Centro Teatrale MaMiMò;
– seguire l’offerta di attività teatrali e culturali del panorama nazionale con l’obiettivo di ampliare le possibilità di scelta per la programmazione della stagione del Teatro Piccolo Orologio di Reggio Emilia e delle Officine Creative Reggiane.

Inoltre:
– potrebbe seguire in autonomia trattative di produzione e di coproduzione, sotto le indicazioni del Direttore artistico;
– possono essergli/le conferiti altri incarichi di lavoro compatibili con la sua funzione e le sue competenze.


I/Le candidati/e interessati/e potranno inviare il proprio CV e la lettera motivazionale all’indirizzo direzione@mamimo.it entro mercoledì 10 luglio 2024, con oggetto CANDIDATURA ASSISTENTE DI DIREZIONE nome e cognome.

Per poter valutare al meglio i profili di tutti gli interessati, viene richiesta, oltre a un CV aggiornato, una lettera motivazionale che possa raccontare ciò che ha spinto alla candidatura.

MaMiMò provvederà a contattare solo i candidati idonei per il successivo colloquio.

L’offerta di lavoro si intende rivolta ad entrambi i sessi ai sensi della L.903/77.
I dati sensibili saranno conservati nel rispetto del Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

Centro Teatrale MaMiMò APS

Il Centro Teatrale MaMiMò è un gruppo di lavoro stabile, che attraverso una continua attività di perfezionamento e scambio artistico, costituisce un punto di riferimento teatrale produttivo di rilevanza nazionale, e un modello di aggregazione culturale sul territorio.
È costituito come associazione di promozione sociale (A.P.S.) dal 2004 e dal 2012 è sostenuto dalla Regione Emilia-Romagna come Organismo di produzione di spettacolo attraverso la L.13/1999.
Gestisce un teatro pubblico comunale, il Teatro Piccolo Orologio di Reggio Emilia, e le Officine Creative Reggiane, spazio deputato a formazione, residenze ed eventi multidisciplinari.
Ha costruito nel tempo una Scuola di Teatro profondamente radicata nel territorio, che ad oggi conta oltre 400 iscritti di tutte le età e collaborazioni con istituti scolastici di ogni ordine e grado.
Fa capo all’associazione una Compagnia di produzione teatrale, riconosciuta dal Ministero della Cultura come Impresa di produzione di teatro di innovazione nell’ambito della sperimentazione, che produce spettacoli di prosa, teatro ragazzi ed eventi culturali.
Il Centro Teatrale MaMiMò pone grande cura all’impegno sociale, ai giovani, alle relazioni tra gli individui, alla dignità della persona, e ai grandi temi dell’attualità. Una grande attenzione è riservata all’educazione, poiché MaMiMò crede che la pedagogia unita alla cultura sia la chiave di accesso a un futuro migliore, e per questo deve essere un percorso riservato a tutti, dove ognuno può scoprire sé stesso e acquisire più strumenti per nutrire l’immaginazione e comprendere la realtà che lo circonda. Proprio per questo spesso la forma artistica scelta è quella di un teatro colto e popolare insieme, atto collettivo di un ensemble riunito da una visione comune.

Marco Maccieri

Marco Maccieri è un attore, regista e insegnante. Nato a Reggio Emilia nel 1977, si diploma nel 2004 come attore presso la Civica Scuola di Teatro “Paolo Grassi” di Milano. Nel suo percorso professionale in qualità di attore lavora con artisti quali Luca Ronconi, Anatolij Vasiliev, Massimo Popolizio, Massimo Navone, Maurizio Schmidt, Marco Plini, Daniele Abbado, Gabriele Vacis, Antonio Fava, Maria Consagra, Dominique Pitoiset.
Nel 2004 fonda il Centro Teatrale MaMiMò nella città di Reggio Emilia, dove comincia ad occuparsi anche di regia, drammaturgia ed insegnamento, dirigendo spettacoli tra cui “Il mercante di Venezia” di W. Shakespeare, “Homicide House” di E. Aldrovandi (testo vincitore del premio Tondelli 2013), “Nessuna pietà per l’arbitro” di E. Aldrovandi (spettacolo 2° classificato a In-Box 2018 e vincitore della 16^ edizione Festival di Resistenza Premio Museo Cervi, premio del pubblico 2017), “La meccanica del cuore” dal romanzo di M. Malzieu (in coproduzione con Teatro Gioco Vita di Piacenza) di cui firma anche l’adattamento. Nel 2018 cura la regia dell’opera lirica “Il piccolo spazzacamino” di Benjamin Britten, prodotto dalla Fondazione “I Teatri” di Reggio Emilia.

È allievo del maestro Anatolij Vasiliev con cui si diploma come pedagogo nella scuola triennale “Pedagogia della scena” (Premio UBU 2012); da allora è insegnante di recitazione presso la Scuola d’Arte Drammatica “Paolo Grassi” di Milano, e dal 2015 ne è anche il coordinatore del corso Recitazione AFAM. Dal 2016 insegna recitazione anche all’Accademia Teatrale “Nico Pepe” di Udine.

Nel 2019 pubblica per Dino Audino Editore il manuale “Il lavoro invisibile dell’attore” in collaborazione con Marina Gorla e Luca Zangheri, frutto del lavoro di dieci anno fatto alla scuola Paolo Grassi.

Tra gli spettacoli di teatro più importanti:

– “Esercizi su Romeo e Giulietta”, regia di G. Vacis (2004)
– “Troilo e Cressida” di W. Shakespeare, regia di Luca Ronconi (Teatro Stabile di Torino – 2005)
– “Tre Sorelle” di A. Cechov, regia di Maurizio Schmidt (Teatro Out Off, Milano, 2006
– “Lo Specchio del Diavolo” di G. Ruffolo, regia di Luca Ronconi (Piccolo Teatro di Milano, 2006)
– “Sogno di una notte di mezza estate” di W. Shakespeare, regia di M. Navone (MaMiMò, 2008
– “Cyrano di Bergerac”, regia di D.Abbado (Teatro di Roma, 2010)
– “Otello, ancora un tango ed è l’ultimo”, regia di M. Navone, (T.F. Menotti, 2012)
– “Himmelweg” di J. Mayorga, regia di M. Plini, (VIE Festival E.R.T. – MaMiMò, 2013)
– “Homicide House” di E. Aldrovandi (BAM – MaMiMò, 2014)
– “Coriolano” di W. Shakespeare, regia di M. Plini (MaMiMò 2016).

Tra le opere cinematografiche e assimilate:

– Film “Ferrari” di Michael Mann, 2023 prod.
– Film “Evelyne tra le nuvole”, regia di A. Di Francisca, 2021, prod. Orange Media
– Serie TV “La guerra è finita” regia di M. Soavi, 2019, prod. Palomar – Rai1
– Cortometraggio “Un tipico nome da bambino povero” regia di E. Aldrovandi, 2018, prod. Big Nose Production, menzione speciale a Visioni Corte – International Short Film Festival di Gaeta
– Serie animata “I DITI: il trono dei troni”, 2017, prod. TIWI – Sky Atlantic, voce narrante
– Serie TV “Anime e Sangue” regia di R. Sirignano, 2017, prod. Two Little Mice – Amazon Prime Video

Premi:
– Miglior Spettacolo e Premio della stampa al Roma Finge Festival 2022 con lo spettacolo “Lady Grey” di Will Eno.
– Medaglia del Presidente della Repubblica allo spettacolo “Nessuna pietà per l’arbitro” per i contenuti valoriali riguardanti la Costituzione Italiana, 2018.